Conseguenze sociali

Florian, quattro anni e mezzo dopo l'incidente, ha concluso il suo apprendistato di montatore elettricista. Questo mestiere però, a seguito dell'incidente, è risultato essere troppo faticoso per il suo fisico.

«E' estremamente frustrante, ho dato il 150% di me stesso e la prestazione che ne è uscita era il 50%».

Florian ha dovuto cambiare strada e ha scelto una formazione come disegnatore e progettatore elettricista. Per chi ha subito traumi cranio cerebrali svolgere lavori che richiedono concentrazione è molto faticoso, esaurisce le forze.


Da una precisa valutazione sul posto di lavoro è emerso che, a fronte di una presenza del 100% di Florian, egli è in grado di prestare solo la metà del lavoro che farebbe un dipendente senza problemi di salute.

Se un paziente, dopo un incidente, non è in grado di lavorare per più di sei mesi, le assicurazioni devono stabilire se gli può essere assegnato un altro tipo di attività, in una sfera di competenza diversa.