Conseguenze mediche

Dal 10 gennaio 1998, nella vita di Florian nulla è più come prima.  Un incidente di cui non aveva colpa ha trasformato questo teenager pieno di gioia di vivere in un ferito grave, una persona con mobilità ridotta. Sogni infranti e dolore. Una distrazione ha quasi distrutto la vita di Florian.

«Se solo fossi morto…»

17 fratture, 4 di queste solo del cranio. Contusione, compressione ed edema cerebrale. Il cervello si è fortemente gonfiato ed è stato necessario un intervento d'urgenza. Gli hanno aperto la scatola cranica e in parte asportata. Oggi, sotto la pelle, ha una protesi di plastica che gli chiude il buco. Florian è rimasto in coma per settimane e poi in coma vigile. I dottori hanno lottato giorni per la sua vita. Egli non ricorda più nulla di quel periodo: «del primo anno e mezzo ho un ricordo molto vago, confuso, come fosse annebbiato.»


Stanchezza

La prognosi in seguito a un trauma cranio cerebrale dipende dalla gravità della lesione cerebrale. In caso di trauma cranico lieve (commozione cerebrale) in genere è consigliato il riposo completo. In caso di trauma cranico grave si hanno generalmente delle lesioni permanenti di determinate funzionalità del cervello. A seconda dell'area cerebrale colpita, possono comparire i seguenti sintomi: paralisi (ad es. emiplegia), disturbo del linguaggio, amnesie, disturbi della vista, disturbi comportamentali, turbamenti della coscienza (disturbi dell'attenzione fino al coma vigile). Possono verificarsi anche attacchi epilettici.

Che cos'è un trauma cranio cerebrale?

Un trauma cranio cerebrale è una lesione della testa dovuta a un violento impatto esterno che ha interessato le ossa craniche e il cervello. Alcune funzioni cerebrali potrebbero essere danneggiate. Sintomi tipici di un trauma cranio cerebrale possono essere anche mal di testa, vertigini, nausea, stato confusionale o disturbi della coscienza, fuoriuscita di liquido dalle orecchie e dal naso.